WI-FI gratuito
Free Wi-Fi

To reserve you have accepted the use of cookies

Live Rock Festival (2)

Il LIVE ROCK FESTIVAL è ormai uno tra festival gratuiti più apprezzati e autorevoli d'Italia. 5 serate, oltre 100 gli artisti che ogni anno si alternano sul palco di Acquaviva. Rock e avanguardia, elettronica e world music, reggae e tradizione popolare, blues e jazz: il percorso musicale della rassegna privilegia le produzioni originali, i progetti internazionali, le nuove tecnologie e le radici etniche

Palio dei carretti (2)

Il Palio dei Carretti di Valiano inizia la sua storia nel 1975 a corollario dei festeggiamenti del Santissimo Crocefisso. Tradizionalmente, nel Medioevo, si correva una corsa in salita con i cavalli sulla Strada Lauretana dalla Dogana alla Chiesetta di Capo Valiano. Valiano è suddiviso in sei contrade i cui nomi si identificano in luoghi già esistenti in epoca medievale. Le Contrade che si disputano ogni quarta domenica di settembre il “Panno” dipinto da un noto pittore sono: CASTELLO (giallo-verde), CHIESINA (rosso-nero), DOGANA (bianco-azzurro), FONTE (bianco-rosso), PADULE (giallo-rosso) e PONTE (rosso-blù). 

Il “carretto”, mezzo di divertimento dei giovani di Valiano, è costituito da: quattro assi di legno duro che collegate tra loro, formano un geometrico trapezio isoscele allungato; due “fuselli” con alle estremità due coppie di cuscinetti in acciaio a sfere di cui l’anteriore sterzante; due freni a mano collocati nella parte posteriore del mezzo. La gara si svolge in più discese che selezionano le contrade che andranno a disputare la finale. La partenza è situata nel colle più alto del paese a circa 330 m., i carretti compiono un tratto di circa 1 km. in discesa con pendenza fino al 15% e con tre curve notoriamente impegnative. Prima delle gare, di pregevole bellezza, la importante sfilata del Corteo Storico in abiti medievali delle contrade che rievoca i fasti storici dell’antico Castello di Valiano.

Bravio delle Botti (2)

Il Bravìo delle Botti è la sfida tra otto contrade: Cagnano, Collazzi, Le Coste, Gracciano, Poggiolo, San Donato, Talosa e Voltaia, , dislocate tutte lungo il centro storico cittadino, che si contendono un panno dipinto, facendo rotolare delle botti di circa 80 Kg ciascuna, lungo un percorso in salita di oltre un chilometro.

Le botti sono spinte da due atletici “ spingitori”, mentre il percorso della gara si snoda tra le suggestive vie del centro storico della città poliziana fino all’arrivo situato sul sagrato del Duomo in Piazza Grande.